Abattoir Blues

Di e con: Luigi Ciotta
Regia: Adrian Schvarzstein
Scenografia: Yasmin Pochat e Augusta Tibaldeschi
Costumi: Roberta Vacchetta
Luci e Suono: Luca Carbone
Progetto Vincitore “Orango Bando 2018” – Cooperativa Italiana Artisti
Premio Emilio Vassalli 2019 – Festival Circonferenze

IMG_2363-300x225

Abattoir Blues è l'ultimo spettacolo della Trilogia dell’Abbondanza. Dopo gli sprechi alimentari (Funky Pudding – 2009) e l'abuso di zuccheri (Sweet Dreams – 2014) Luigi Ciotta porta nuovamente all'attenzione dello spettatore un tema caldo dei nostri tempi: il maltrattamento degli animali negli allevamenti intensivi e il rapporto ambivalente con la carne, ai giorni nostri caratterizzato da sempre nuovi tabù. Anche questa volta non si vuole puntare il dito contro qualcuno. Il tema è l’uomo con le sue contraddizioni e debolezze nell’affrontare i sentimenti più oscuri della sua anima, della sua parte più bestiale, rappresentata appunto dal suo rapporto con gli animali in scena.  Tutto questo in chiave comica, grottesca e onirica, secondo le regole del buffone e del clown. Lo spettacolo unisce teatro di figura, circo, teatro fisico, magia e comicità in una dimensione in cui le parole cedono il passo a suoni, versi e rumori, sia registrati che dal vivo. Grazie alla comicità e al circo si riesce quindi ad affrontare in maniera non moralista un argomento pesante e difficile come quello del maltrattamento animale. E così facendo risulta accessibile ad un pubblico vasto.

 

Teatro Furio Camillo

Via Camilla, 44 Roma

Venerdì 19 novembre ore 21 

Biglietto singolo spettacolo: 13 euro

greenpass obbligatorio dai 12 anni