La gonna abitata

Quanti mondi ci sono dentro una persona? Quanti ricordi, quanti desideri, quante personalità? Immaginate che per gioco tutte queste sfaccettature prendano vita e si muovano silenziose intorno a chi li genera, come se la folla di pensieri che costantemente ci accompagna fosse visibile. Ogni cosa diventa simbolo per poi comporsi o svelarsi nel suo opposto: la gonna è il vaso di Pandora, la dea potnia generatrice da dove nascono personalità e pezzi del proprio io. La protagonista attraverso la musica compie un viaggio dentro sé stessa, sfoglia i propri ricordi e le proprie paure, che prendono fisicamente corpo in quella metafora della vita che è il circo. Sdoppiamenti, sparizioni, scomposizioni, pezzi di corpo, corpi in pezzi costellano la strada della consapevolezza e dell'accettazione di sé. Il finale è la baraonda di una gran festa dove colei che ha sognato balla a braccetto delle sue allucinazioni e finalmente tutto si svela: le maschere cadono.

gonna_abitata

Una gonna, tre acrobate ed una musicista danno vita ad un universo onirico dove la poesia si fonde col non-sense in una trama di pizzi e mutandoni. La troupe, tutta al femminile, declina in forma musicale e circense uno spettacolo agro-dolce, il cui ombelico in trasformazione è MaFalda: una gonna, e allo stesso tempo un essere vivente, una casa, un mondo in espansione che racchiude fra le sue pieghe le molteplici sfaccettature del suo essere… Così come ogni donna

gonna_abitata2

di e con:
Veronica Canale, fisarmonica e voce
Jasmine Fornaciai, corda molle
Caterina Fort, corda verticale
Cristina Geninazzi, trapezio fisso

Costumi: Caterina Fort

16 novembre ore 21.00
Teatro Furio Camillo
via Camilla, 44 – 00181 Roma (Metro ‘A’ Furio Camillo)
Biglietto per singolo spettacolo € 13,00
Info e prenotazioni: 0697616026
www.teatrofuriocamillo.it

Caterina Fort: dai sei ai quindici anni studia danza classica, sostenendo gli esami del metodo Cecchetti fino al primo livello professionale. Dopo i vent’anni la voglia di esprimersi danzando la porta alla scoperta del tessuto aereo che inizia a praticare a Firenze con Eli Rudyzuli. Continua la sua formazione a Bruxelles frequentando stage di danza contemporanea, tessuto, trapezio e corda (con Elodie Doñaque, Dominique Duszinsky, Baris Mihci, Anton Lacky…). Dal 2010 al 2014 collabora con il collettivo Circo Paniko come danzatrice ed acrobata di tessuto aereo e corda verticale tra Italia, Spagna, Francia, Grecia, Brasile e Norvegia. Ultimamente si dedica, oltre che alla compagnia le MaFalde, a progetti personali, al duo con Linda Vellar, a collaborazioni con Side Kunst Cirque e My!Laika.

Cristina Geninazzi: da anni porta avanti lo studio e l’amore per il teatro fisico, il clown e le discipline aeree. Diplomata alla scuola di teatro fisico con metodo Jacques Lecoq di Milano prima e alla FLIC scuola di circo di Torino poi, Cristina si è esibita in festival di strada, in cabaret, feste, inaugurazioni ed in spettacoli di grandi compagnie fra Italia, Francia, Slovenia, Norvegia, Scozia, Galles, Inghilterra, Finlandia. Dal 2012 è performer per la compagnia gallese NoFitState Circus, per lo spettacolo di circo-teatro ‘Noodles’. Attualmente si dedica al solo di trapezio comico “Miss Jenny Pavone”.

Jasmine Fornaciai: acrobata circense formatasi alla “Flic scuola di circo” a Torino. Inizia i suoi studi con l'acrobatica aerea, specializzandosi poi in equilibrismo (corda molle), e continuando gli studi sulla danza, iniziati precedentemente a Firenze. Ha seguito vari stage con Nicole Keherberger e partecipato a rassegne e spettacoli della Flic, diretti da registi come Roberto Magro e Peter Forman. Partecipa a festival, inaugurazioni, feste, eventi e cabaret sia in Italia che all’estero. E’ cofondatrice del progetto “Quattro corde + una” con il contrabbassista Luca Curcio. Porta avanti con costanza l’attività di insegnante di circo per adulti e bambini ed in ambito sociale.

Veronica Canale: fisarmonicista e amante del canto, inizia studiando pianoforte presso il Conservatorio C.Pollini di Padova. In seguito scopre una grande passione per la musica tradizionale e si cimenta nello studio della fisarmonica con le maestre Franca Pampaloni e Miranda Cortes. Attiva nella ricerca del canto tradizionale veneziano, è parte attiva nello spettacolo “Lagunaria” di G. dall'Olivo,“Calle delle Perlere” e in “Cuor” di Sandra Mangini. Attualmente collabora con la compagnia Pantakin Venezia in Circo Suflè. Porta avanti diversi progetti musicali fra cui il duo klezmer Malvasia (con Valeria Conte al clarinetto), I sognaturi (con Trevor Brown) e il coro “Donne In Canto”.